YouTube e GDPR – Suggerimenti per l’utilizzo del canale video in conformità con le normative sulla protezione dei dati

Molte aziende hanno riconosciuto l’importanza dei social media per l’efficacia del loro marketing online. Secondo il motto “una foto (o un video) dice più di 1000 parole”, Instagram e YouTube in particolare vengono utilizzati accanto al classico Facebook. Se utilizzi YouTube anche come canale aziendale e magari vuoi raccogliere dati dagli utenti, dovresti fare attenzione: i cookie di YouTube e il GDPR non hanno necessariamente la stessa intersezione. Ciò significa che dovresti prestare attenzione ad alcune cose in modo che l’integrazione dei video di YouTube sia conforme al GDPR. In caso contrario possono essere emessi avvisi e, in determinate circostanze, sanzioni severe.

Questa panoramica riassume le cose più importanti su YouTube e sul GDPR, in particolare sul tema dei cookie e del consenso di YouTube . In caso di domande, un fornitore specializzato di gestione del consenso come consensomanager è la persona di contatto giusta.

Soluzione di consenso per Smart TV

Cosa regola il GDPR?

GDPR è l’abbreviazione di Regolamento generale sulla protezione dei dati. Si tratta di un insieme di regole dell’Unione Europea che è in vigore dal 25 maggio 2018 e integra la legge federale sulla protezione dei dati (BDSG) in Germania. La finalità del regolamento è la protezione dei dati personali . Ciò include non solo i classici come nome e data di nascita. Conta anche l’indirizzo IP di un computer o di un telefono cellulare, poiché questi dati sono in linea di principio adatti per scoprire la persona dietro l’utente.

Il GDPR consiste in principi introduttivi e molte normative complesse che sono difficili da classificare per i profani. L’ordinanza si applica a tutte le aziende o istituzioni, associazioni o club che raccolgono, archiviano ed elaborano dati di persone, offline o online. Ci sono tutta una serie di diritti che i potenziali clienti oi clienti hanno ai sensi del GDPR, come il diritto all’informazione, il diritto al consenso a determinati trattamenti di dati o il diritto alla cancellazione. In particolare, il consenso (consenso) viene discusso in modo più dettagliato, perché il consenso dell’utente è qualcosa che deve essere osservato quando si tratta del cookie di YouTube.

Cosa c’entra una piattaforma video con la protezione dei dati?

Ci sono ancora molte persone che pensano che YouTube sia conforme al GDPR poiché possono visualizzare i video della piattaforma senza essere loggati a Google. Ma anche questo è un errore. Ad esempio, se utilizzi una delle tante soluzioni software con cui puoi rilevare e disattivare i cookie di tracciamento, scoprirai presto che, come per altri siti Web, i cookie poco appariscenti sono ancora in movimento per raccogliere dati. Quindi ci sono sicuramente cookie disponibili anche quando non sei connesso a YouTube . Oltre ai cookie di YouTube, la raccolta dei dati per l’account Google è particolarmente importante dal punto di vista della protezione dei dati.

Cosa c’entra YouTube con Google?

Google viene menzionato più e più volte in relazione a YouTube e GDPR o YouTube e il consenso ai cookie. Il motivo è semplice: YouTube appartiene a Google e quando ti registri o accedi a YouTube, lo fai con il tuo account Google. Ed è esattamente ciò che rende i sostenitori della privacy sospettosi dei cookie di YouTube.

Il tuo sito web è conforme? Scoprilo con la nostra checklist

Scarica la lista di controllo

Biscotti sotto la lente d’ingrandimento

Cosa sono esattamente i cookie, cosa fanno i “cookie” su YouTube e cosa li rende così critici? I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati sul computer o sullo smartphone durante la navigazione nel browser. Naturalmente, hanno uno scopo molto specifico per gli operatori di siti Web: il monitoraggio. Il tracking è il tracciamento degli utenti sul web al fine di sviluppare adeguate strategie di marketing. Ad esempio, il negozio online salverà il carrello e i prodotti cliccati e l’ID della sessione del rispettivo computer. In questo modo i visitatori ricevono offerte adeguate durante la navigazione, che lo piaccia o no. Forse hai già navigato tra le offerte dei grandi colossi online con il tuo computer fisso e poi hai ricevuto pubblicità simili sul tuo smartphone? Questo è esattamente il risultato dei cookie virtuali. Molte persone lo percepiscono come “spionaggio”, motivo per cui i cookie sono stati esaminati dai responsabili della protezione dei dati.

Privacy e Account Google

Se apri un account Google, anche i dati verranno raccolti e archiviati per il loro utilizzo (incluso, ad esempio, il recupero delle password e la prevenzione di usi impropri). Queste informazioni non sono eccessivamente complete: sono richiesti nome, data di nascita, indirizzo e-mail e numero di telefono. Sembra abbastanza non problematico. Ma – e questo è un fattore importante quando si tratta di YouTube e della protezione dei dati – chiunque navighi nell’account Google aperto verrà tracciato con tutti i propri dati. Ciò rende automaticamente necessario che l’utente dichiari il proprio consenso – il Consenso ai cookie di YouTube .

GDPR – il consenso come criterio importante

L’essenza e il fine di tutte le normative GDPR è la protezione dei dati personali. In questo contesto, un elemento centrale del regolamento generale sulla protezione dei dati è che gli utenti devono dare il proprio consenso alla raccolta dei dati . Questo disciplina l’articolo 6 GDPR, che ha il titolo “Legittimità del trattamento” :

“(1) Il trattamento è lecito solo se è soddisfatta almeno una delle seguenti condizioni:
a) l’interessato ha espresso il consenso al trattamento dei propri dati personali per una o più specifiche finalità;
[…]”

GDPR § 6

Ciò significa – anche per l’integrazione dei video di YouTube nel tuo sito web – che il consenso dell’utente è obbligatorio. Questo può essere implementato tramite il classico cookie banner o un apposito pop-up. In tal modo, consenti all’utente di selezionare i cookie che consente. Questo permesso è chiamato consenso. Quando si tratta di selezionare, dovresti idealmente offrire all’utente che sta visualizzando un video YouTube collegato sul tuo sito Web tre opzioni tra cui scegliere:

  • il consenso a una raccolta di cookie che l’utente propone come gestore del sito web
  • Consenso solo a quei cookie che sono necessari per l’utilizzo del sito web per motivi legali e tecnici o sono obbligatori
  • il consenso ai cookie, che l’utente compila in modo definito dall’utente

Non importa quale delle tre varianti scelgano gli utenti del tuo sito web e i video di YouTube incorporati: i cookie di YouTube sono legalmente sicuri e con i video di YouTube hai rispettato in modo completo il GDPR.

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla Newsletter

Utilizzare contenuti video – senza consenso?

Non è una buona idea! Legalmente, questa è un’area grigia che ti mette, come fornitore di video di YouTube, a rischio del GDPR. Potresti visualizzare un cookie banner che fornisce un avviso generale sulla raccolta dei cookie e quindi consentire agli utenti di decidere se continuare o meno la navigazione. Tuttavia, tale utilizzo dei cookie di YouTube non è conforme alla legge. È importante ottenere il consenso attivo dall’utente . E dovresti garantire questa attività richiedendo al visitatore del tuo sito Web di fare clic su un segno di spunta per poter utilizzare determinati contenuti. In questo modo rendi la tua offerta YouTube conforme al GDPR e ti proteggi dagli avvertimenti degli avvocati dei gruppi di tutela della concorrenza e dei consumatori, nonché dalle spiacevoli sanzioni delle autorità per la protezione dei dati se il GDPR e il BDSG/TTDSG vengono disattesi.

Molti operatori di siti Web ritengono inoltre che guardare video da YouTube sia conforme al GDPR se gli utenti si disconnettono dal proprio account Google. Ma anche questa è tutt’altro che una strategia consigliata per rendere YouTube compatibile con il GDPR. In primo luogo, l’operatore del sito Web non può obbligare l’utente a chiudere l’account. E in secondo luogo, verranno comunque raccolti abbastanza cookie di YouTube. Quindi opta logicamente per una strategia pulita e un consenso a prova di cookie YouTube da parte degli utenti.

Il consenso alla memorizzazione dei dati è assolutamente necessario, soprattutto se si combina il tracciamento tramite cookie con il cosiddetto confronto esteso dei dati .

Riconciliazione avanzata dei dati: che cos’è esattamente?

Quando si parla di YouTube e GDPR, è particolarmente importante la distinzione tra la classica raccolta di cookie e l’utilizzo dei cookie di YouTube per un eventuale confronto esteso dei dati. La corrispondenza avanzata dei dati significa che gli operatori del sito Web integrano i dati raccolti dai cookie di YouTube con dati che hanno già memorizzato loro stessi, come ad esempio elenchi di clienti. I responsabili della protezione dei dati hanno un’opinione particolarmente critica al riguardo, perché più dati vengono raccolti, più facile è trarre conclusioni sulle persone che ci stanno dietro . Ed è esattamente ciò che le normative sulla protezione dei dati non consentono senza il consenso durante il tracciamento con i cookie di YouTube. Quindi: se utilizzi i cookie di YouTube come parte di un confronto esteso dei dati, il consenso ai cookie di YouTube deve essere implementato dall’utente, altrimenti l’utilizzo di YouTube non sarà conforme al GDPR.

Google Double Click: cos’è e cosa significa per YouTube e GDPR?

YouTube appartiene a Google LLC. ed è quindi soggetto anche alle condizioni di protezione dei dati del gruppo statunitense. Questo vale anche per la sua piattaforma pubblicitaria. Double Click è il prodotto pubblicitario di Google e prevede un ampio monitoraggio dei dati degli utenti. In termini concreti, ciò significa: se utilizzi i servizi di YouTube incorporando video di YouTube nei siti Web, il servizio degli Stati Uniti combina questo con un monitoraggio completo degli utenti che utilizzano tali offerte . Ovviamente, se utilizzi, ad esempio, Facebook Pixel, devi implementare le norme sulla protezione dei dati. Ma se utilizzi YouTube e quindi indirettamente anche Google, le misure di protezione dei dati sono particolarmente rilevanti. Quindi: rendi l’integrazione dei video di YouTube conforme al GDPR!

Di seguito troverai alcuni suggerimenti su come implementare il consenso sui cookie di YouTube in modo professionale e su come rendere YouTube conforme al GDPR. Gli specialisti per YouTube e GDPR sono fornitori di gestione del consenso come consensomanager.

1. Informativa sulla privacy e responsabile della protezione dei dati

La solida dichiarazione sulla protezione dei dati è il punto di forza di un sito Web professionale e conforme alla protezione dei dati. In questo contesto, puoi anche fare riferimento ai servizi di Google e al suo collegamento al tracciamento dei video di YouTube incorporati. Puoi anche descrivere che ogni utente può dare il proprio contributo alla propria protezione dei dati, ad esempio opponendosi alle misure di tracciamento di Google o effettuando le impostazioni appropriate nel proprio account Google. Nomina anche il responsabile della protezione dei dati che è responsabile del sito web della tua azienda. Puoi nominarlo internamente o ordinarlo esternamente.

2. Ottenere il consenso degli utenti

Il consenso dell’utente alle azioni sensibili ai dati è inoltre indispensabile per il sito web conforme alla protezione dei dati e il suo utilizzo. Utilizzare cookie banner che consentono agli utenti di scegliere diverse opzioni. Questa selezione, ovvero il clic deliberato su un’opzione, fa la differenza decisiva se viene fornito o meno un consenso ai cookie di YouTube. In parole povere: se l’utente decide per un determinato segno di spunta e quindi un’opzione speciale per i cookie, ciò significa un’attività tracciabile e verificabile che le disposizioni su YouTube e DSGVO sono state completamente rispettate da te. In questo modo crei la base che il tuo sito web non può essere attaccato da responsabili della protezione dei dati e concorrenti.

3. Utilizzare la modalità di protezione dei dati estensibile

Incorporare un video di YouTube nel tuo sito Web è facile, anche per i profani. Ecco come funziona:

  1. seleziona il video appropriato
  2. premere il pulsante “Condividi”.
  3. seleziona l’opzione “Incorpora”.
  4. Usa l’opzione “Mostra altro”.
  5. selezionare la modalità “protezione dati estesa”.
  6. Controlla il link generato

Contrariamente al classico link per l’incorporamento, viene generato un link speciale: se il link appare con l’URL www.youtube-nocookie.com, puoi essere certo che i cookie di YouTube vengono utilizzati in conformità con il GDPR e che stai agendo in modo in conformità con le normative sulla protezione dei dati. (Importante: è ancora necessario il consenso per incorporare YouTube!)

4. Utilizzare il blocco dinamico dei contenuti di consensomanager

Se utilizzi consensomanager come cookie banner sul tuo sito Web, possiamo bloccare automaticamente il video di YouTube e visualizzare invece un’immagine di anteprima. Se l’utente non ha ancora approvato YouTube, è protetto e allo stesso tempo vede ciò che potrebbe vedere a questo punto (ovvero un’anteprima del video di YouTube) insieme alla possibilità di attivare esplicitamente questo video.

Fai il test: se non hai ancora acconsentito a YouTube sul nostro sito Web, ora dovresti vedere l’anteprima qui:

Se hai già acconsentito a YouTube sul nostro sito web, procedi come segue: Clicca sull’icona consensimanager in basso a sinistra per richiamare le impostazioni dei cookie, deseleziona YouTube e salva. Quindi lascia che la pagina si ricarichi.

5. Controlla le alternative

A volte non è assolutamente necessario che si tratti di un video di YouTube che deve essere incorporato in un sito web. I video possono anche essere inseriti con il classico HTML

FAQ: Domande frequenti su YouTube e GDPR

[sp_easyaccordion id=”3205″]