Soluzione di consenso per i responsabili della protezione dei dati

Soluzione all-in-one per GDPR, CCPA, LGPD, PIPEDA e altro ancora

In qualità di responsabile della protezione dei dati, è tuo dovere garantire che il sito web della tua azienda sia conforme alla legislazione più recente. Consent Manager può aiutarti facilmente in questo: basta installarlo sul tuo sito Web e chiederemo automaticamente il consenso ai visitatori e bloccheremo il codice e i cookie di terze parti se il consenso non viene fornito.

Wir haben bereits mehr als 25.000 Websites bei der Einhaltung der DSGVO, TTDSG & ePrivacy geholfen …

Zu unseren Kunden gehören einige der größten Webseiten und bekanntesten Marken weltweit.

… e tanti altri.

Il miglior strumento per i migliori DPO

I 10 motivi più importanti per cui il tuo sito web non è (ancora) conforme al GDPR

  • Abbiamo analizzato più di 100.000 siti Web e troviamo sempre gli stessi errori quando si tratta di conformità al GDPR. Oltre il 70% dei siti Web non è conforme al GDPR . Inoltre, la maggior parte dei siti Web che utilizzano un “banner dei cookie” non sono conformi al GDPR. Ecco i 10 principali motivi per cui vediamo ogni giorno perché il tuo sito web non è conforme al GDPR:

  • #10 – Nessun titolare del trattamento nominato

    Un cookie banner è valido solo se il visitatore può conoscere chi è il titolare del trattamento (il “titolare” dei dati, per così dire) prima che il visitatore presti il proprio consenso. Se il tuo banner sui cookie non elenca esplicitamente la tua azienda come titolare del trattamento dei dati, allora il tuo sito web non è conforme al GDPR!

  • #9 – Nessun accesso all’impronta e alla politica sulla privacy

    Sebbene il livello di consenso debba essere visualizzato su ogni pagina (documento), è importante NON visualizzarlo nella pagina dei Termini di servizio, nell’Avviso legale/Avviso legale o nella pagina dell’Informativa sulla privacy. Queste pagine devono essere accessibili senza interagire con il banner di consenso.

  • #8 – Testo di benvenuto sbagliato

    Li abbiamo visti così tante volte: testi di cookie a riga singola con poche informazioni. Ciò che il tuo team di marketing potrebbe sognare: non è sufficiente essere conformi al GDPR. Il testo di benvenuto dovrebbe almeno dirlo al visitatore a) che ha luogo il trattamento dei dati, b) che siano coinvolti terzi, c) per quali finalità si svolge il trattamento e che tipo di dati vengono trattati.

  • #7 – Titolo sbagliato

    Poiché il livello di consenso richiede al visitatore il permesso di elaborare i dati personali, è importante che il titolo rifletta questo ai tuoi visitatori. Un titolo come “Impostiamo i cookie” viene visualizzato così spesso ma non è conforme. Un titolo migliore sarebbe “Consenso al trattamento dei dati e ai cookie”.

  • #6 – Nessuna opzione di rinuncia

    Visto anche molto spesso: un livello di consenso senza possibilità di rifiuto. Un visitatore deve poter dire “No, non voglio i cookie e non voglio che i miei dati personali vengano elaborati” – se il tuo banner sui cookie non lo offre – allora il tuo sito web non è conforme. (Extra: “Ma un visitatore potrebbe semplicemente lasciare il sito invece di accettare.” Sì, ma il tuo sito web è ancora non conforme in quanto abbandonare non è una scelta valida ai sensi del GDPR!)

  • #5 – Mancano i dettagli del cookie

    Questo è molto semplice e logico, ma spesso così sbagliato: se chiedo il consenso ai miei visitatori, dovrebbero sapere a cosa acconsentono. Pertanto, un cookie banner deve essere in grado di riconoscere perché vengono impostati i tipi di cookie, da quali provider e per quanto tempo vengono memorizzati. Senza queste informazioni: Non conforme.

  • #4 – Configurazione errata dei pulsanti

    Questo argomento è solo aumentato negli ultimi mesi con l’aggiunta di nuove linee guida delle autorità per la protezione dei dati come CNIL o ICO: per essere conforme al GDPR, un livello di consenso deve avere due pulsanti con lo stesso design per Accetta e Rifiuta (può utilizzare un terzo pulsante o collegamento “Impostazioni”). Non è consentito avere un solo pulsante “Accetta” e “Personalizza”.

  • #3 – Mancano i dettagli del fornitore

    Lo vediamo anche con gli strumenti GDPR più costosi: quando progetti il tuo livello di consenso, DEVI identificare tutti i fornitori che elaborano dati personali o impostano cookie sul tuo sito web. Questo deve includere nome, indirizzo, base giuridica, scopo e altro. Se il tuo cookie banner non contiene queste informazioni, non sei conforme!

  • #2 – Nessun livello di consenso

    Anche se il GDPR ha ormai più di 3 anni, ci sono ancora molti siti Web che non hanno ancora un livello di consenso per informare i propri visitatori e chiedere il consenso per il monitoraggio, il marketing e altre cose che richiedono il consenso. Il nostro ultimo studio ha rilevato che oltre il 40% dei siti Web europei non ha ancora un livello di consenso o utilizza ancora un campo molto vecchio “Impostiamo i cookie” a riga singola che non è conforme.

  • #1 – Tracciamento senza/prima del consenso

    Questo è sicuramente e di gran lunga il motivo principale per cui la maggior parte dei siti Web non è conforme al GDPR: impostano cookie o elaborano dati personali senza consenso. Questo è sbalorditivo, soprattutto perché è così facile da individuare con strumenti come il nostro crawler e così facile da prevenire con strumenti come il blocco automatico.

Raccomandato da avvocati e responsabili della protezione dei dati

Naturalmente, consensomanager funziona anche con …