Twitter e privacy?

Questo dovrebbe essere “twittato” tramite la gestione del consenso

I fino a 280 caratteri digitati con il buon vecchio SMS solo pochi anni fa vengono ora twittati sempre più spesso: questo è l’unico modo per spiegare che il servizio di microblogging americano di successo Twitter ha quasi 330 milioni di utenti attivi al mese. Negli ultimi anni sono stati avviati vivaci dibattiti con vari #hashtag, il che dimostra in modo impressionante la portata comunicativa di questa piattaforma. Il contenuto viene pubblicato in tutto il mondo subito dopo la digitazione. La protezione dei dati gioca un ruolo anche prima!

#Twitter GDPR: puoi leggerlo in questo articolo

È chiaro che i dati vengono eseguiti principalmente tramite server negli Stati Uniti e quindi si estendono oltre la protezione dei dati europea . Ciò dimostra che gli operatori di siti Web dovrebbero avere una visione molto differenziata di Twitter e del GDPR. Questa guida è un inizio:

  • Qual è la posizione di Twitter sulla protezione dei dati?
  • Twitter è conforme al GDPR?
  • In che misura Twitter raccoglie i cookie?
  • Cosa devo fare per soddisfare i requisiti legali in materia di protezione dei dati?

Prenditi sette minuti per leggere le domande e le risposte più importanti su Twitter e sulla protezione dei dati.

Twitter e protezione dei dati: le cose più importanti di questa guida in poche parole

  • Il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) e una sentenza della Corte di giustizia richiedono il consenso esplicito per l’utilizzo dei dati personali nello spazio virtuale.
  • Nel 2017 Twitter ha adeguato la protezione dei dati in vista del GDPR. Tuttavia, si può presumere che i dati personali verranno utilizzati negli Stati Uniti.
  • Se desideri integrare un plug-in di Twitter in conformità con il GDPR, dovresti utilizzare link statici o link che fanno esplicito riferimento a contenuti e fornitori di servizi esterni prima che vengano caricati.
  • Il Cookie Consent Management è diventato un compito importante anche per gli operatori di siti web per quanto riguarda l’integrazione dei social media: Consentmanager è un potente strumento per non lasciare nulla al caso in termini di legge sulla protezione dei dati.

Twitter e protezione dei dati: il trattamento dei dati personali inizia con la registrazione

Se ti registri come utente su Twitter, rinunci ai diritti al trattamento dei tuoi dati . L’unica domanda è se hai qualche influenza e se puoi decidere a quale utilizzo dei dati vuoi acconsentire (o meno). È qui che si concentra l’argomento Twitter e GDPR: senza dubbio, Twitter raccoglie i dati degli utenti. A causa del Regolamento generale sulla protezione dei dati, in vigore dal 2018, il servizio di messaggistica breve è obbligato ad ottenere il consenso degli utenti per il trattamento dei dati personali .

Cosa si applica agli utenti o agli operatori di siti Web che incorporano o collegano a tweet? Questa guida analizzerà in modo differenziato il tema di Twitter e della protezione dei dati e, con il responsabile del consenso, presenterà una soluzione funzionale per il campo d’azione di Twitter e della protezione dei dati.

Il tuo sito web è conforme? Scoprilo con la nostra checklist

Scarica la lista di controllo

Twitter e GDPR: chiarisci la situazione iniziale

Twitter stesso afferma nelle sue linee guida che i tweet sono comunicazioni pubbliche . Una volta che un tweet è stato pubblicato, può essere condiviso o incorporato senza violare la privacy dell’autore. La condivisione, il retweet o l’incorporamento fanno parte del modello di business in questo senso. Per quanto riguarda Twitter e la protezione dei dati, diventa sempre problematico quando i dati personali vengono utilizzati inconsapevolmente o senza consenso.

Registrandosi al servizio di SMS Twitter, l’azienda è abilitata al trattamento dei dati negli Stati Uniti. Indipendentemente dalla protezione dei dati in Europa, i dati vengono elaborati negli Stati Uniti per scopi pubblicitari, dopotutto è qui che l’azienda guadagna gran parte dei suoi soldi. Negli Stati Uniti, i dati vengono elaborati anche tramite Google Analytics, quindi è necessario il consenso in considerazione dei severi requisiti del Regolamento generale sulla protezione dei dati. Twitter stesso afferma di commissionare servizi per tali scopi. Twitter e la protezione dei dati dovrebbero pertanto essere visti in modo olistico e oltre i propri confini nazionali . Per quanto riguarda l’uso conforme alla legge in questo paese, strumenti come il gestore del consenso possono garantire un elevato grado di sicurezza.

Hashtag per conto nostro: cosa dice Twitter sulla #protezione dei dati?

Uno sguardo alle dichiarazioni di Twitter sui cookie e sulla protezione dei dati mostra che l’azienda pone l’accento soprattutto sulla trasparenza. Tuttavia, questo da solo non è sufficiente per un funzionamento conforme alla legge, perché questa trasparenza deve essere implementata in modo tecnicamente impeccabile in ogni momento . Nello specifico, secondo le sentenze della Corte di Giustizia Europea, ciò significa che gli utenti devono poter acconsentire esplicitamente se vengono raccolti o conservati dati personali. Le nuove normative sulla protezione dei dati in vigore su Twitter dalla metà del 2017 dovrebbero essere viste in questo contesto.

Le nuove opzioni di Twitter per la privacy?

Con questo aggiornamento, Twitter vuole offrire agli utenti più opzioni in generale sull’utilizzo dei dati personali. L’informativa sulla privacy di Twitter menziona esplicitamente il desiderio di dare agli utenti un maggiore controllo. Con le impostazioni sulla privacy, gli utenti possono ora determinare in modo più specifico quali servizi desiderano consentire e in che misura. Molti utenti non si prendono il tempo di controllare la sezione delle impostazioni sulla privacy dopo la registrazione. Tuttavia, dovrebbero farlo per essere consapevoli della portata del possibile utilizzo dei dati.

Cosa dice Twitter sull’utilizzo dei dati?

Twitter dichiara di ricevere informazioni personali anche se tu come utente guardi solo i tweet e non digiti attivamente. In primo luogo, è necessario menzionare qui l’indirizzo IP e il dispositivo utilizzato. Gli utenti possono decidere autonomamente se desiderano condividere con Twitter informazioni aggiuntive come numeri di telefono, indirizzi e-mail o contatti dalla rubrica. La piattaforma afferma di utilizzare tali informazioni per la sicurezza dell’account e per visualizzare tweet più rilevanti. Ciò mostra chiaramente la misura in cui i dati personali possono essere utilizzati . Allo stesso tempo, ciò solleva la questione di come Twitter possa essere integrato in modo conforme al GDPR.

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla Newsletter

Contesto giuridico: Sentenze della Corte di giustizia europea (CGUE)

Twitter afferma di aver aggiornato la propria politica sulla privacy in vista del regolamento generale sulla protezione dei dati applicabile in Europa. La privacy degli utenti dovrebbe essere protetta nel miglior modo possibile in futuro. L’articolo 13 del GDPR stabilisce che gli operatori del sito Web devono fornire informazioni complete se i dati personali devono essere raccolti o archiviati. È proprio qui che entra in gioco uno strumento di gestione del consenso come Consentmanager , che consente ai visitatori del sito Web di acconsentire o rifiutare la raccolta dei dati nella misura dichiarata.

Twitter e cookie: è richiesto il consenso esplicito

Per quanto riguarda la sicurezza dei dati e il funzionamento a norma di legge di un sito web, il tema della gestione del consenso ai cookie ha svolto un ruolo centrale almeno dall’introduzione del severo Regolamento generale sulla protezione dei dati. Gli utenti devono essere in grado di acconsentire esplicitamente o rifiutare la raccolta di cookie nella misura dichiarata. Se vuoi incorporare tweet sul tuo sito web, devi creare anche questa base per la sicurezza dei dati. Con il Consentmanager la gestione dei consensi può essere attuata in modo professionale e, soprattutto, nel rispetto del GDPR. Per gli operatori di siti Web, uno strumento così potente offre un’immensa sicurezza aggiuntiva nell’azione.

Utilizza il plug-in di Twitter conforme al GDPR: queste sono le condizioni quadro

Molte aziende gestiscono account Twitter per informare i clienti sulle novità e per promuovere la comunicazione aziendale con la massima portata digitale. Un’icona di Twitter è spesso integrata in modo statico nel sito web vero e proprio, che porta al profilo Twitter. Questa procedura è innocua dal punto di vista della protezione dei dati, perché Twitter e Co. non possono raccogliere alcun dato personale quando visiti il tuo sito web. Da un punto di vista tecnico, un collegamento statico è la soluzione più sicura per risolvere Twitter e la protezione dei dati per il proprio sito web nel modo più efficiente possibile.

Integrare il plug-in di Twitter conforme al GDPR? Sarebbe richiesto il consenso!

D’altra parte, diventa problematico ai sensi della legge sulla protezione dei dati se un plug-in di social media come il feed di Twitter è integrato sul tuo sito web. Tecnicamente, è molto facile integrare un codice nella home page. Il problema della protezione dei dati può essere visto nel fatto che sono inclusi anche i codici di tracciamento , che possono rappresentare una minaccia per la privacy degli utenti. Tali plugin trasmettono sempre dati, il che significa che è necessaria un’azione immediata dal punto di vista della protezione dei dati. Anche i visitatori del sito Web che non sono registrati su Twitter possono essere interessati. Dati come l’indirizzo IP potrebbero essere raccolti automaticamente e senza il consenso dell’interessato, che non possono essere conciliati con la protezione dei dati applicabile.

Plugin Twitter e GDPR: queste sono possibili soluzioni per gli operatori di siti web

In qualità di operatore del sito web, non avresti più il controllo sulla protezione dei dati su questo contenuto. Per sicurezza, dovresti eliminare tali plug-in e fare riferimento solo a un profilo Twitter con un’immagine collegata. In caso contrario, è necessaria una dichiarazione sulla protezione dei dati estesa o è necessario chiedere ai visitatori prima di caricare questo contenuto il loro consenso affinché i dati vengano trasferiti a fornitori di servizi esterni a questo punto. Al più tardi dalla sentenza della Corte di giustizia europea, sembra urgente inserire una dichiarazione sulla protezione dei dati o un collegamento ad essa sul proprio profilo Twitter.

Per connettere Twitter e GDPR è possibile anche una cosiddetta soluzione a 2 clic: i pulsanti restano inattivi fino a quando gli utenti non li attivano consapevolmente. Fino ad allora, non può aver luogo alcuno scambio di dati personali come l’indirizzo IP.

Il problema della responsabilità condivisa nello spazio digitale

La sezione 26 GDPR parla di responsabilità congiunta. Questo caso si verifica sempre quando vengono utilizzati plug-in o integrati i tweet. La dichiarazione sulla protezione dei dati dovrebbe essere adattata al riguardo, poiché la situazione giuridica non è del tutto chiara. Tuttavia, gli operatori possono e devono implementare una soluzione conforme al GDPR per il proprio sito web. Infine, diamo un’occhiata a come può apparire e quali vantaggi offre un potente strumento di gestione del consenso come Consentmanager.

Con il Consent Manager, Twitter può essere integrato nel rispetto del GDPR

Fino a questo punto, potresti capire che Twitter offre maggiore trasparenza alla protezione dei dati con più configurazioni per l’utente. Ciò, tuttavia, non esonera in alcun modo gli operatori del sito web dall’obbligo di indicare l’utilizzo dei dati in caso di integrazione di plugin.

Chi non integra Twitter con un link statico sul proprio sito web dovrà segnalare che i dati vengono utilizzati da fornitori di servizi esterni prima del caricamento dei dati. Per poter gestire il proprio sito web, incluso Twitter, in conformità con il GDPR, il tema della gestione del consenso dei cookie è diventato al centro della sentenza della Corte di giustizia europea. In qualità di operatore di un sito Web, puoi utilizzare il Consentmanager per prendere tutte le precauzioni necessarie per combinare Twitter e protezione dei dati in modo legalmente sicuro. Ciò vale in particolare anche se utilizzi Google Analytics per ottimizzare il tuo sito web . Con la visualizzazione di un banner per la gestione del consenso, ti assicuri che gli operatori del sito web siano esaurientemente informati, possano acconsentire al trattamento dei dati o effettuare configurazioni personali.

Professionalizza Twitter e la protezione dei dati con Consentmanager

Con Consentmanager ti affidi a una soluzione testata sul campo e personalizzabile che implementa i requisiti legali del Regolamento generale sulla protezione dei dati. Oltre alla sicurezza dell’azione ai sensi della legge sulla protezione dei dati, garantisci un’esperienza utente positiva integrando il gestore del consenso. Gli studi dimostrano che la gestione professionale del consenso dei cookie porta a una maggiore accettazione e tempi di conservazione più lunghi. Il trattamento esemplare dei dati personali crea fiducia, che può avere un impatto positivo sull’immagine. Con un fornitore di gestione del consenso, non investi solo nella sicurezza legale del tuo sito Web, ma anche nelle prestazioni misurabili (!). La panoramica in tempo reale consente di analizzare in modo specifico le prestazioni attuali e trarre conclusioni per l’ottimizzazione .

Twitter e protezione dei dati: nulla deve essere lasciato al caso quando si tratta di essere legalmente vincolanti

Soprattutto per quanto riguarda il tema di Twitter e della protezione dei dati, la portata internazionale diventa rapidamente chiara. Se il tuo sito web è orientato a livello internazionale e raggiunge ogni giorno utenti da tutto il mondo, con il Consent Manager è possibile utilizzare una soluzione multilingue funzionale. Il banner centrale per la protezione dei dati apparirà automaticamente nella rispettiva lingua nazionale nell’area GDPR. Il gestore del consenso è percepito come una parte importante del sito web grazie alle opzioni di regolazione e personalizzazione automatiche. Mostra a ogni visitatore che tu come operatore stai rispettando le tue responsabilità. Twitter e la privacy sono una sfida complessa. Con uno strumento come Consentmanager, questa sfida può essere superata tecnicamente in modo rapido e affidabile.

Domande frequenti su Twitter e protezione dei dati: potrebbe interessarti anche questo

[sp_easyaccordion id=”3325″]