Nuovo

Newsletter 02/2022


Siamo lieti di annunciare l’ultimo aggiornamento che è stato pubblicato! Tra le tante novità, queste sono le principali funzionalità disponibili con il nuovo aggiornamento:

Illegale n. 1: Google Fonts illegale?

Alla fine di gennaio, il tribunale regionale di Monaco ha dovuto affrontare il tema dei Google Fonts (integrazione dei caratteri in un sito Web). Il tribunale ha stabilito che l’incorporamento di Google Fonts tramite il server di Google senza consenso era illegale e ha assegnato all’attore un risarcimento. Come sei abituato da consentmanager, abbiamo reagito direttamente e nell’aggiornamento di questo mese abbiamo creato la possibilità di bloccare Google Fonts e altri elementi esterni di font e stile (blocco automatico: menu> CMP> Modificare> Altre opzioni> Blocca i fogli di stile o bloccali manualmente tramite la personalizzazione del codice, vedere la guida).
Il nostro consiglio: attiva il blocco o, soprattutto, scarica semplicemente i caratteri e posizionali sul tuo server.

Illegale n. 2: Google Analytics illegale?

Oltre a Google Fonts, anche Google Analytics è stato recentemente “catturato”: in Austria, l’autorità per la protezione dei dati ha deciso in un caso che Google Analytics non era compatibile con i principi del GDPR, poiché i dati vengono inviati negli Stati Uniti e c’è nessun livello di protezione adeguato lì. Al gestore del sito è stato quindi vietato l’utilizzo di Google Analytics (soprattutto perché in questo caso è stato utilizzato un banner di consenso insufficiente). Poco dopo, le autorità olandesi e francesi per la protezione dei dati hanno concordato e hanno anche stabilito che l’integrazione (non protetta) di Google Analytics non era conforme al GDPR. Si può presumere che altre autorità statali seguiranno l’esempio.
Il nostro consiglio: utilizza Google Analytics solo con il tuo consenso o cerca alternative amichevoli per la protezione dei dati (ad es. etracker o Matomo).

Illegale n. 3: IAB TCF illegale?

Anche l’autorità belga per la protezione dei dati ha suscitato scalpore. Questo ha dovuto decidere lo standard IAB TCF. L’autorità ha riscontrato che nelle circostanze attuali, il Transparency and Consent Framework di IAB, nonché IAB Europe come organo amministrativo dietro lo standard, non soddisfano varie condizioni del GDPR. L’IAB ha ora un periodo di due mesi per sviluppare un “Piano d’azione” con le modifiche proposte. Le modifiche proposte hanno lo scopo di mostrare come il TCF può essere riprogettato per essere conforme al GDPR. Da allora IAB Europe ha presentato ricorso contro la decisione. Abbiamo messo insieme maggiori dettagli nelle nostre FAQ .
Il nostro consiglio: se non hai nulla a che fare con la pubblicità online (ad es. e-commerce o siti Web aziendali), non dovresti utilizzare lo standard IAB TCF. Se non puoi farne a meno, non dovresti farti prendere dal panico ora, ma aspetta e vedi come si sviluppa la situazione.

Scopi e cursori

Un’altra novità di questo mese è la possibilità di riorganizzare e ordinare gli scopi: è sufficiente “toccare” la voce e spostarla dove dovrebbe apparire.

Anche la nostra funzione di scorrimento è nuova: invece di visualizzare gli scopi con diverse caselle di controllo sulla prima pagina del livello di consenso, ora puoi utilizzare un dispositivo di scorrimento. Il visitatore può quindi scegliere tra più posizioni e quindi attivare e disattivare più scopi contemporaneamente. Le impostazioni per il dispositivo di scorrimento si trovano in Menu > Scopi sotto l’elenco degli scopi.

Altre nuove funzionalità e modifiche

Come sempre, questo mese abbiamo anche apportato molte piccole modifiche alle funzionalità. Ci sono modifiche durante la copia di CMP e progetti, nuove opzioni per la memorizzazione di basi legali e più opzioni di testo per le immagini di anteprima.


più commenti

Nuovo

Newsletter 03/2024

NOVITÀ: strumento per denunciare Siamo lieti di annunciare il rilascio del nostro nuovo software di segnalazione. Il software è stato sviluppato per soddisfare i requisiti della Direttiva europea sulle segnalazioni di irregolarità. Il nostro software ora offre ai tuoi dipendenti un modo semplice e sicuro per segnalare dubbi. Gli informatori possono inviare le loro segnalazioni […]
video

Webinar: Nessun cookie = perdita di entrate?

Il mondo online sta affrontando grandi cambiamenti, soprattutto per editori e inserzionisti. L’11 marzo abbiamo co-ospitato il webinar “No Cookies = Revenue Losses” con Refinery89.com per dare uno sguardo al futuro. Il webinar si è svolto in inglese. Sono stati discussi i seguenti argomenti: panoramica Il webinar ha fornito preziosi spunti su come editori e […]