Rendi Facebook Pixel conforme al GDPR

Il Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR) è in vigore dal 25 maggio 2018. Ha un impatto importante sulla protezione dei dati nell’area online. Questo vale per siti Web e negozi online, nonché per i social media. Il cookie del pixel di Facebook è inoltre interessato dalla riforma della protezione dei dati dell’UE, che definisce complesse normative sui cookie e sulla protezione dei dati. Un regolamento importante in questo contesto è il consenso degli utenti che sono interessati dal tracciamento da parte dei pixel.

Questo articolo offre un prezioso riassunto dell’argomento di grande attualità su come rendere i pixel di Facebook conformi al GDPR . Avete domande? In qualità di Consent Management Provider (CMP) professionale, Consentmanager è uno specialista per tutti gli argomenti relativi ai pixel e ai cookie di Facebook.

Cosa regola il GDPR?

Anche anni dopo l’introduzione del Regolamento generale sulla protezione dei dati dell’UE, molti gestori di siti web commerciali non sanno ancora quale sia il collegamento tra le regole e il cookie pixel di Facebook in particolare e il tracciamento online in generale. Pertanto, questa prima sezione ti offre una panoramica del collegamento tra Facebook Pixel e la privacy.

Il GDPR è stato sviluppato per proteggere i dati personali di tutte le persone che entrano in contatto con aziende, istituzioni pubbliche, fondazioni, club, associazioni e altre istituzioni simili. La raccolta, l’elaborazione, la memorizzazione e la cancellazione di questi dati, anche tramite il cookie del pixel di Facebook, è ora soggetta a una regolamentazione completa. Il mancato rispetto delle norme del GDPR, che integra la legge federale sulla protezione dei dati (BDSG) nella Repubblica federale di Germania, può essere soggetto a severe sanzioni. Si consiglia quindi di conoscere e seguire esattamente la normativa se si vuole rendere Facebook Pixel GDPR compliant. Questo articolo ha lo scopo di supportare l’utente nell’implementazione conforme alla legge.

Pixel di Facebook e GDPR: ecco come tutto è connesso

Cosa c’entra il pixel di Facebook con il GDPR? Molto facilmente! Il pixel di Facebook può vanificare le norme sulla protezione dei dati se il tracciamento non viene utilizzato in modo legalmente sicuro.

Ma cos’è esattamente questo monitoraggio?

Tracciamento su Internet significa che gli operatori del sito web utilizzano strumenti adeguati per seguire le “tracce di navigazione” degli utenti. Nello specifico, raccolgono dati dagli utenti, che utilizzano per trarre conclusioni sulla loro persona e comportamento . Lo scopo di tali misure è rendere il marketing online più efficiente per il gruppo target e, naturalmente, generare più vendite di conseguenza. Ad esempio, è possibile determinare se il clic su un annuncio ha attivato l’acquisto del rispettivo prodotto.

Il problema con il tracciamento sono i dati sensibili raccolti attraverso metodi come il cookie pixel di Facebook. “Sensibili” in questo contesto significa che potrebbero essere utilizzati per identificare la persona dietro l’utente . Ciò è possibile utilizzando i dati personali, ma anche, ad esempio, utilizzando l’indirizzo IP del computer o dello smartphone utilizzato. Ed è proprio questo ciò che non è consentito, motivo per cui anche per il cookie pixel di Facebook è richiesto il “consenso”, ovvero il consenso degli interessati.

Il tuo sito web è conforme? Scoprilo con la nostra checklist

Scarica la lista di controllo

L’autorizzazione degli utenti è l’elemento fondamentale

Una delle regole base del Regolamento generale sulla protezione dei dati, che ovviamente copre anche l’argomento Facebook Pixel e GDPR, è che l’utente deve sempre dare il proprio consenso se i propri dati vengono salvati. E: se mette a disposizione i suoi dati, ha anche il diritto di farli cancellare nuovamente la maggior parte. In tale contesto, il GDPR prevede il cosiddetto ” diritto all’oblio” . Ma questo è esattamente ciò che è problematico. Dopotutto, come può qualcuno far valere tali diritti se non sa nemmeno che i dati vengono raccolti da loro? Perché il tracciamento da parte del cookie del pixel di Facebook è qualcosa che molti utenti non notano nemmeno. Ed è proprio per questo che è difficile configurare Facebook Pixel conforme al GDPR.

Informativa sulla privacy dei pixel di Facebook

La critica che è stata rivolta al pixel è che i cookie di tracciamento leggono dati personali, senza il consenso dell’utente. E per un cookie pixel di Facebook, il consenso dell’utente è un prerequisito. Il GDPR lo regola chiaramente nel paragrafo 13 dell’insieme completo di regole:

Obbligo di fornire informazioni durante la raccolta di dati personali dall’interessato

Se i dati personali sono raccolti presso l’interessato, il responsabile informa l’interessato di quanto segue al momento della raccolta di questi dati:

  • il nome e i dati di contatto del responsabile e, se del caso, del suo rappresentante;
  • se del caso, i dati di contatto del responsabile della protezione dei dati;
  • le finalità per le quali i dati personali devono essere trattati…”

L’utente deve inoltre essere informato della base giuridica e degli eventuali destinatari dei dati personali.

Per l’area di Facebook Pixel e GDPR, tutto ciò significa che l’utente a) deve essere informato della raccolta di cookie su un sito web e b) deve anche accettarlo.

Preferiresti fare a meno del cookie del pixel di Facebook?

Ovviamente, rendere Facebook Pixel compatibile con il GDPR richiede tutta una serie di misure precise e appropriate. Ma lo sforzo vale la pena se si considera il seguente elenco di vantaggi dell’utilizzo di un cookie pixel di Facebook con il consenso dell’utente.

Il cookie del pixel di Facebook ti consente di:

  • la conoscenza efficace del comportamento dei clienti esistenti e potenziali della tua azienda
  • lo sviluppo di campagne mirate nell’area dei social media, così importante oggi
  • il modo ideale per raggiungere il gruppo target di riferimento con una strategia pubblicitaria online su misura
  • migliorare le vendite online

Le strategie professionali di oggi per il marketing online hanno bisogno dei social media come canale cruciale in cui il tuo gruppo target saltella. È quindi il punto di riferimento per raggiungere e indirizzare questi potenziali clienti e clienti in modo ottimizzato. Non è opportuno mettere la testa sotto la sabbia a causa dei problemi che circondano Facebook Pixel e DSGVO e rinunciare a un metodo così efficace di pubblicità online. Perché la pubblicità online è diventata il punto di riferimento per il successo imprenditoriale. Esistono numerosi studi che dimostrano in modo impressionante che i clienti, siano essi B2B o B2C, utilizzano Internet oggi per ricercare aziende, prodotti e servizi adeguati. Ciò significa che i siti Web e i negozi online, nonché la pubblicità sui social media sono essenziali per l’efficienza e il successo.

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla Newsletter

Una conclusione provvisoria

Il cookie del pixel di Facebook è un metodo utile per tracciare gli utenti come base per la creazione di campagne online di cui tu e la tua azienda beneficerete a lungo termine. Ma poiché Facebook Pixel raccoglie dati dagli utenti, in relazione ai cookie si applicano le disposizioni del GDPR. Cosa significa questo in particolare per te come potenziale utente del Pixel di Facebook? Come operatore di un sito web, cosa devi considerare per configurare Facebook Pixel conforme al GDPR?

Questi dieci punti consentono di implementare i cookie pixel di Facebook con il consenso dell’utente nel rispetto della protezione dei dati. Naturalmente, questo è uno standard generale. Puoi ottenere la soluzione su misura per un cookie pixel di Facebook da Consentmanager come fornitore specializzato di gestione del consenso.

1. La corretta politica sulla privacy di Facebook Pixel

Per poter utilizzare Facebook Pixel conforme al DSGVO, una base indispensabile è una dichiarazione sulla protezione dei dati di Facebook Pixel per il sito web, il negozio online o la pagina Facebook in questione. In questa dichiarazione sulla protezione dei dati devi indicare che utilizzi i cookie. Descrivono che tipo di cookie sono, ad esempio un cookie pixel di Facebook, e qual è il loro scopo. Una cosa è particolarmente importante: informare l’utente che ha il diritto di opporsi in qualsiasi momento all’uso dei pixel di Facebook e di altri metodi di tracciamento. Questo diritto di opposizione è un diritto fondamentale da rispettare in merito all’uso dei pixel di Facebook e alle normative GDPR.

2. Il testo del consenso

Molti gestori di siti web sono del parere che il punto 1 (il riferimento nella dichiarazione sulla protezione dei dati all’uso dei pixel di Facebook per la conformità al GDPR del tracciamento) sia sufficiente. Ma non è così. L’utente deve dare il consenso all’uso di Facebook Pixel Cookie Consent, ovvero accettare attivamente di approvare l’uso del tracciamento. Questo consenso è un criterio essenziale affinché un sito web accetti Facebook Pixel e il GDPR in modo legalmente sicuro e completo, in quanto i diritti dell’utente sono attuati in modo legalmente sicuro e completo. Il consenso del visitatore del sito web è preparato con il testo del consenso.

3. Il posizionamento del testo del consenso

È importante che gli utenti riconoscano davvero il testo per il consenso o l’opposizione. Pertanto, mettere in primo piano il testo del consenso è il be-all e end-all.Ci sono due opzioni per questo, che sono anche conformi al GDPR. O utilizzi il classico banner per il Consenso ai Cookie Pixel di Facebook oppure visualizzi un pop-up sul sito che permette al visitatore di prestare facilmente il proprio consenso al tracciamento. In questo contesto, i visitatori possono solitamente selezionare diverse opzioni di tracciamento consentito.

4. Definire l’ambito del monitoraggio

La misura in cui l’operatore del sito web pianifica il tracciamento è importante anche per la dichiarazione sulla protezione dei dati e il testo del consenso. Un termine importante in questo contesto è il cosiddetto “confronto esteso” . Il nome è programma. I dati raccolti da Facebook Pixel devono inoltre essere confrontati con i dati dei clienti che sono già stati raccolti dall’azienda stessa. Un esempio sono le liste dei clienti, ma anche gli indirizzi e-mail che potrebbero essere stati generati dagli abbonamenti alle newsletter. Questa combinazione di dati e pixel di Facebook può avere un impatto significativo sulla protezione dei dati, poiché potrebbe essere possibile identificare gli utenti.

5. Fare la scelta giusta tra le procedure di opt-in e opt-out

Dovresti assolutamente essere a conoscenza di queste due procedure. Perché sono di grande importanza per la corretta implementazione della conformità a Facebook Pixel DSGVO. Le due modalità di consenso al tracciamento da parte dell’utente differiscono in quanto l’utente assume un ruolo attivo nel processo di opt-in al fine di prestare il proprio consenso. Ciò avviene, ad esempio, selezionando attivamente le opzioni (e l’estensione associata) di tracciamento. I requisiti relativi all’uso dei pixel di Facebook in termini di protezione dei dati sono meglio implementati nelle procedure di opt-in . In caso di confronto esteso dei dati, la procedura del consenso esplicito da parte dell’utente è d’obbligo legale. Con la procedura di opt-out, invece, il consenso viene dato per scontato e l’utente potrebbe dover opporsi attivamente.

6. Selezione delle date

In qualità di operatore di un sito web commerciale, dovresti analizzare attentamente quali dati raccogli dagli utenti. Questo è anche uno dei principi del GDPR secondo cui vengono raccolti solo i dati che servono a uno scopo specifico . Esempio dall’area degli abbonamenti alla newsletter: per iscriversi alla newsletter, è ovviamente essenziale chiedere l’indirizzo e-mail dell’utente. Ma il numero di telefono o il sesso sono elementi superflui. La situazione è simile con i pixel di Facebook e la protezione dei dati: più plug-in sono adatti al fatto che lo pseudonimo anonimo degli utenti non è più conservato su Internet, più la procedura è discutibile e critica dal punto di vista dei responsabili della protezione dei dati .

7. Rispettare la sequenza cronologica

Ci sono aziende che utilizzano la funzione dello strumento di tracciamento prima che l’utente abbia revocato il proprio consenso. Questo non è legalmente consentito e di solito è già punito con multe spiacevoli. In linea di principio , prima di utilizzare i metodi di tracciamento, deve essere presupposto il consenso dell’utente . Ciò è particolarmente importante anche in caso di successivo confronto dettagliato con liste clienti e altri dati raccolti dall’azienda stessa. Se un utente non dà il proprio consenso e continua a utilizzare il sito Web e il contenuto, ciò non significa che accetti il cookie del pixel di Facebook!

8. Implementare prove secondo GDPR

Al fine di rendere equo il DSGVO di Facebook Pixel, è inoltre necessario che l’utente possa ricevere informazioni in qualsiasi momento su quali dati vengono raccolti, archiviati e utilizzati da lui. Due aspetti del GDPR sono particolarmente importanti per poter provare tale trattamento dei dati. Uno è la cosiddetta valutazione d’impatto sulla protezione dei dati , l’altro l’ elenco delle attività procedurali svolte dall’azienda. Entrambi dovrebbero essere eseguiti da un responsabile della protezione dei dati professionale. Consentmanager può anche svolgere tale funzione come fornitore di gestione del consenso.

9. Nominare il responsabile della protezione dei dati

È essenziale implementare le linee guida su Facebook Pixel e GDPR. Tuttavia, mostra anche serietà e trasparenza che gli utenti siano informati nel miglior modo possibile sul tipo e sulla funzione del tracciamento . Pertanto, il responsabile della protezione dei dati elencato nell’impronta e nella dichiarazione sulla protezione dei dati dovrebbe anche essere in grado di gestire in modo professionale e preciso le richieste individuali dei visitatori dei siti Web pertinenti. Questo è spesso anche un vantaggio nella concorrenza online, poiché gli utenti o i clienti preferiscono e si fidano in particolare delle aziende che tengono conto della moderna protezione dei dati.

10. Usa il supporto

Il corretto collegamento dei pixel di Facebook e la protezione dei dati richiedono conoscenze sia tecniche che legali. E questo know-how è importante. Perché il mancato rispetto delle normative del GDPR è sanzionato dalle autorità di protezione dei dati. Ci sono alcuni modi in cui puoi integrare la vitale protezione della privacy nelle tue attività pubblicitarie online.

Fornire supporto a te:

  • Plugin già pronti che combinano Facebook Pixel Cookie e richiesta di consenso
  • il responsabile della protezione dei dati competente che implementa il collegamento di Facebook Pixel e GDPR in modo legalmente conforme
  • l’agenzia web specializzata che tiene conto anche della protezione dei dati quando si tratta di attività sui social media
  • Consent Manager come fornitore di gestione del consenso

I fornitori di gestione del consenso come Consentmanager offrono un alto livello di specializzazione quando si tratta del consenso delle persone a raccogliere e archiviare i propri dati attraverso il tracciamento. Se decidi di assumere un esperto CMP, hai il vantaggio decisivo che integra anche le modifiche legali a Facebook Pixel e GDPR che di volta in volta vengono introdotte. Le tue attività pubblicitarie su Internet sono impostate in conformità con le normative sulla protezione dei dati e puoi concentrarti interamente sulle tue competenze principali.

FAQ: domande frequenti su Facebook Pixel e GDPR

[sp_easyaccordion id=”3340″]