Cosa sono i cookie?

Cookie spiegati in modo semplice – I cookie vengono utilizzati per mantenere il sito Web in funzione e per promuovere un marketing professionale. Una breve introduzione.

Il mostro dei biscotti è anche in grado di fare danni su Internet. Stiamo parlando di cookie , i “cookie” che i siti Web lasciano sul tuo computer. In realtà siamo contenti dei deliziosi biscotti, ma questo non è necessariamente il caso dei cookie online. Con l’ adozione del GDPR (General Data Protection Regulation) nel maggio 2018, il tema dei cookie è più che mai attuale. Deve essere presente un banner di consenso ai cookie su ogni sito Web raggiunto da un utente nell’Unione Europea. Il suo compito è informare l’utente che determinati dati vengono raccolti quando visita il sito web. Gli utenti possono scegliere quali cookie vogliono consentire. In generale si distingue tra cookie tecnicamente necessari e non essenziali .

Cookie spiegati semplicemente

I cookie sono piccoli file di testo. Vengono memorizzati sul tuo computer quando visiti un determinato sito web. I cookie raccolgono informazioni che possono essere memorizzate in uno o più file. Una delle informazioni più comunemente memorizzate è un numero generato casualmente che viene utilizzato per riconoscere il tuo computer. Ciò significa che non devi reinserire i tuoi dati o inserire nuovamente la merce nel carrello ogni volta che visiti un sito web specifico.

Anche le impostazioni del sito vengono salvate grazie ai cookie, in modo che gli utenti non debbano reinserire nome utente, password o lingua ogni volta che visitano. Il gestore del sito web raccoglie dati che rendono tracciabile il comportamento di navigazione degli utenti. Ciò include, ad esempio, l’ indirizzo IP , la durata e la frequenza delle visualizzazioni di pagina e le sottopagine visitate , che consente di creare un profilo per un utente specifico. Il profilo utente creato dai cookie viene a sua volta utilizzato per inserire pubblicità appropriata e abilitare un targeting mirato.

Quali tipi di cookie esistono?

Non tutti i cookie sono uguali: ci sono cookie necessari e non essenziali. Molti utenti li dividono in file “buoni” e “cattivi”. I buoni cookie garantiscono un’esperienza utente ottimale e vengono utilizzati principalmente per la sicurezza. È il caso, ad esempio, dell’online banking. Qui la connessione viene memorizzata in un unico cookie e cancellata automaticamente al termine della sessione. Diversa è la situazione con i cosiddetti cookie di tracciamento. Sono utilizzati per valutare i dati dell’utente e per inserire pubblicità personalizzata . I cookie di tracciamento sono particolarmente persistenti e tracciano per anni il comportamento di navigazione. A causa dell’enorme volume di dati raccolti, i cookie di tracciamento possono rappresentare un rischio per la sicurezza, poiché spesso vengono archiviati anche dati sensibili. In questo contesto, il tema ” cookie e protezione dei dati ” è più volte citato e richiamato.

Cookie e protezione dei dati: cosa puoi fare con i cookie?

Gli utenti dovrebbero eliminare regolarmente i cookie dai loro computer. È meglio farlo dopo ogni sessione. Se ciò non è possibile, dovresti eliminare i cookie almeno una volta al mese. Sebbene sia teoricamente possibile rifiutare tutti i cookie , ciò non è praticamente possibile in quanto significa che la maggior parte dei siti Web non funzionerà correttamente. Tuttavia, il banner di consenso ai cookie ti dà la possibilità di accettare solo alcuni cookie.

Per rendere più difficile il monitoraggio a lungo termine del comportamento dell’utente, imposta il tuo computer in modo che i cookie di sessione vengano eliminati dopo ogni sessione. Tuttavia, questo non è sempre pratico, dal momento che è necessario accedere ogni volta, ad esempio, ai negozi online o alle applicazioni Internet. Il banner di consenso ai cookie offre la possibilità di negare il consenso ai cookie di terze parti . Questi sono collocati da fornitori esterni, che di solito sono società pubblicitarie come Google o Facebook . Gli utenti possono comprendere solo in misura molto limitata quali dati vengono inoltrati a terzi. Come utente, hai la possibilità di installare un programma anti-tracciamento che ti offre una panoramica dei cookie depositati sul tuo computer . Il programma consente di gestire i cookie.

Cookie e protezione dei dati: cosa dice il GDPR a riguardo

Sebbene i cookie siano in circolazione da molto tempo, la maggior parte degli utenti non ha pensato molto ai piccoli file di testo sui propri computer fino a maggio 2018. Ma grazie al GDPR, questo è cambiato radicalmente. Poco prima dell’entrata in vigore del GDPR, molte aziende hanno attirato l’attenzione sul nuovo regolamento e ottenuto il consenso dei propri clienti al marketing online. La direttiva non regola solo la gestione dei cookie, ma anche la comunicazione tramite posta elettronica.

A posteriori, il regolamento è stato addirittura inasprito: la soluzione opt-in è in vigore dal 1 ottobre 2019 . A seguito di questo nuovo regolamento, l’utente deve acconsentire all’uso dei cookie. Prima dell’inasprimento del GDPR, molte aziende utilizzavano una scappatoia nella legislazione per far passare i cookie di tracciamento e di terze parti. Le caselle corrispondenti erano già spuntate sul banner di consenso. Ora questi metodi di marketing non sono più consentiti. Gli utenti devono ora impostare autonomamente i tick desiderati per consentire i cookie. Tuttavia, ciò non si applica ai cookie necessari, senza i quali è impossibile utilizzare un sito web.

Cookie e privacy: cosa fa un provider di gestione del consenso?

Il GDPR stabilisce regole rigide per i siti web. Affinché il consenso ai cookie sia legalmente conforme , è consigliabile utilizzare un fornitore di gestione del consenso (CMP) . Un CMP è uno strumento che si occupa della fornitura del banner del contenuto dei cookie. Qualsiasi azienda che desideri raggiungere utenti nell’Unione Europea oa livello internazionale deve disporre di uno strumento di gestione del consenso. Attualmente ci sono molte diverse soluzioni di consenso che includono strumenti sia a pagamento che gratuiti. Il vantaggio di uno strumento di gestione del consenso a pagamento è che offre più opzioni rispetto a un CMP gratuito. Ciò include, ad esempio, banner di consenso in diverse lingue , che possono essere adattati se lo si desidera. Anche il design gioca un ruolo importante, perché il banner dovrebbe corrispondere al resto del sito web. Di norma, ha senso utilizzare una soluzione a pagamento, altrimenti non è possibile attivare servizi aggiuntivi. Chiunque gestisca un’app oltre al sito Web si confronta anche con la direttiva UE qui. Questo è il motivo per cui alcuni fornitori di servizi di gestione del consenso ora offrono anche kit di sviluppo software (SDK) per le app. Gli SDK consentono di integrare la gestione del consenso nelle app native.

Poiché le linee guida sono ancora relativamente nuove, vi è una grande mancanza di precedenti e regolamenti chiari. Con uno strumento di gestione del consenso, invece, tu come operatore di un sito web sei al sicuro. Gli strumenti di gestione del consenso sono facili da usare e possono essere facilmente integrati nei siti web. Quindi sai che ottenere il consenso ai cookie è legalmente conforme e che gli utenti del tuo sito Web sono in ottime mani.

Conclusione

Finalmente c’è chiarezza! Ciò che è così facile a dirsi è il risultato di un lungo processo di decisioni giudiziarie e di implementazione tecnica sui siti web. Le informazioni che gli utenti sono disposti a trasmettere è esclusivamente la sovranità del visitatore del sito web. Va bene. Quali informazioni vengono inoltrate a fornitori esterni oltre ai cookie tecnicamente necessari rimangono trasparenti sin dall’inizio. Soluzioni appropriate per i contenuti dei cookie aprono la strada a questa chiarezza per tutte le pagine. Nella giungla di normative e leggi nazionali e internazionali, questi banner traducono i requisiti legali in usabilità e chiarezza.