Generale

Futuro senza cookie: cosa devono sapere gli operatori di siti web


Tre biscotti che si trovano su un telefono cellulare accanto a una tastiera

“Cookieless Future”: cosa significa?

Cookieless Future è un termine che si riferisce all’uso limitato dei cookie sui siti web. Ciò non vale necessariamente per tutti i cookie, ma in particolare per i cookie di terze parti.

Se non hai mai utilizzato i cookie, troverai una breve spiegazione qui. I cookie sono file di piccole dimensioni che vengono memorizzati sul computer dell’utente durante la navigazione in un sito web. Vengono utilizzati solo (con il consenso) per memorizzare informazioni come i dettagli di accesso dell’utente o la cronologia di navigazione in modo che il sito Web possa fornire all’utente un’esperienza utente più personalizzata. Esistono più di due tipi di cookie, ma per comodità oggi parliamo dei due più comuni. Da un lato, ci sono cookie di prima parte che vengono impostati dal gestore del sito Web e, dall’altro, ci sono cookie di terze parti che vengono impostati da altre società (ad esempio inserzionisti).

Il ruolo dei cookie nella pubblicità online

I cookie svolgono un ruolo importante nel mondo della pubblicità digitale, poiché forniscono agli inserzionisti una grande quantità di dati importanti che utilizzano per offrire agli utenti pubblicità più pertinenti ed efficaci.

Tuttavia, ciò ha portato ad alcune critiche e dubbi in merito alla privacy. I critici sostengono che questi cookie incoraggiano il “capitalismo di sorveglianza”, che cerca di raccogliere i dati degli utenti a scopo di lucro. Perché, nella maggior parte dei casi, gli utenti vengono tracciati a loro insaputa o senza il loro consenso.

Per questo Google ha annunciato che dal 2024 non utilizzerà più i cookie di terze parti. L’azienda cercherà nuove tecnologie e approcci che possano aiutare a proteggere la privacy degli utenti, consentendo al contempo agli inserzionisti di pubblicare annunci pertinenti. Per questo motivo, Google sta attualmente sviluppando diverse tecnologie di protezione dei dati note con il termine “Privacy Sandbox” . Questa sandbox utilizza tecnologie come l’apprendimento automatico per ordinare le persone in categorie anonime più grandi in base ai loro interessi. Ciò consente agli inserzionisti di continuare a mostrare agli utenti annunci pertinenti ai loro interessi mantenendo l’anonimato dell’utente.

Il passaggio successivo è più di natura tecnica, se lo desideri puoi saltarlo e andare direttamente a In che modo i proprietari di siti Web e gli operatori di marketing devono affrontare questa situazione .

Quindi, come funziona Privacy Sandbox?

  1. Federated Learning of Cohorts (FLoC): invece di utilizzare i cookie per tenere traccia del comportamento degli utenti, Privacy Sandbox utilizza FLoC. È un nuovo sistema che divide gli utenti in gruppi con interessi simili. Gli inserzionisti possono quindi scegliere come target questi gruppi anziché singoli individui.
  2. TURTLEDOVE: TURTLEDOVE (Two Uncorrelated Requests, Then Locally-Executed Decision On Victory) consente ai siti Web di visualizzare annunci pubblicitari personalizzati senza tenere traccia del comportamento degli utenti sul Web. In questo caso, il browser prende localmente le decisioni relative alla pubblicità e i dati dell’utente rimangono privati.
  3. Set di prima parte: i set di prima parte formano una rete di siti Web in modo che possano scambiarsi dati tra loro. Questa collaborazione aiuta tutte le parti interessate a fornire contenuti e pubblicità personalizzati proteggendo la privacy degli utenti.
  4. Token di fiducia: con i token di fiducia, i browser possono dimostrare a un sito Web che l’utente è “reale” senza dover trasmettere la propria identità. Ciò impedisce ai bot o ad altri sistemi automatizzati di manipolare il sistema.

Cosa significa questo per gli operatori del sito web

Quindi il consenso scomparirà? Un chiaro no! Dovrai comunque ottenere il consenso esplicito dei tuoi utenti fintanto che esistono norme sulla privacy.

Ma potrebbe essere necessario adattarsi alle nuove tecnologie. Una volta che Chrome avrà rimosso i cookie di terze parti, i proprietari di siti web dovranno trovare nuovi modi per raggiungere il loro pubblico e misurare il successo della loro pubblicità. Ciò può significare utilizzare nuove tecnologie di tracciamento o trovare nuovi approcci alla pubblicità online.

In che modo gli operatori di siti Web e i responsabili del marketing devono affrontare questa situazione?

Ecco alcuni passaggi che i proprietari di siti Web possono intraprendere per prepararsi al futuro senza cookie:

  • Crea contenuti pertinenti e di qualità: poiché il targeting contestuale sta diventando sempre più comune, assicurati che i tuoi contenuti siano ben adattati al tuo pubblico. Il targeting contestuale è una strategia in cui Google analizza il contenuto di un sito Web e pubblica annunci in base al contenuto della pagina.
  • Implementa metodi di tracciamento alternativi: Google, ad esempio, sta lavorando a una nuova tecnologia chiamata Federated Learning of Cohorts (FLoC), che raggruppa gli utenti con comportamenti di navigazione simili in coorti per il targeting degli annunci.
  • Comprendere i dati di prima parte: raccogliere e utilizzare dati di prima parte, ad esempio tramite abbonamenti a newsletter, account utente e attività sui social media.
  • Utilizzare una piattaforma di gestione del consenso: mentre i cookie di terze parti saranno presto un ricordo del passato, le normative sulla privacy come GDPR e CPRA richiedono ancora il consenso dell’utente tramite i cookie di prima parte prima che le loro informazioni personali vengano raccolte.

Una CMP può aiutare il tuo sito web a gestire i propri cookie e a conformarsi a questa politica sulla privacy anche quando utilizza metodi di tracciamento alternativi. È necessaria una CMP, soprattutto se dai la priorità ai tuoi dati proprietari.

  • Costruisci fiducia: non devi solo mostrare ai tuoi utenti che rispetti le più recenti normative sulla protezione dei dati, ma anche che rendi la loro privacy una priorità dando loro un maggiore controllo sui loro dati personali. Per questo motivo è importante che tu fornisca una dichiarazione di consenso chiara e inequivocabile e informazioni su come tratterai i loro dati personali.

In un futuro senza cookie, una CMP flessibile e potente sarà uno strumento importante per gestire il consenso degli utenti e raccogliere dati. Prova Consentmanager CMP ora gratuitamente.

Preparati ora

Potrebbe volerci fino al prossimo anno prima che Google prenda una decisione sull’eventuale eliminazione dei cookie di terze parti. Tuttavia, gli operatori del sito Web e i responsabili del marketing possono iniziare a prepararsi ora.
Prendi subito l’iniziativa! Assicurati di essere già conforme e pronto quando le nuove modifiche entreranno in vigore. Il nostro CMP è sempre aggiornato sui nuovi e imminenti cambiamenti legislativi da tutto il mondo. Verifica gratuitamente la conformità al GDPR del tuo sito web: basta cliccare qui per iniziare.


più commenti

Nuovo

Newsletter 05/2024

Nuova integrazione per Slack, MS Teams e altro ancora Con l’attuale aggiornamento è ora disponibile nel sistema una nuova funzione di integrazione per Slack, MS Teams, Zapier e n8n. La funzione ti avvisa comodamente in Slack, Teams o qualsiasi altro strumento su modifiche e novità importanti (ad esempio nuovi cookie trovati) nel tuo account CMP. […]
Webinar-GCM-v2-with-Google-and-consentmanager
Generale, Nuovo, video

Webinar: Google Consent Mode v2 con Google e consentmanager

Partecipa al nostro webinar esclusivo ospitato da consentmanager in collaborazione con Google il 12 giugno 2024 alle 11:00 CET. A causa dell’elevata richiesta di informazioni sugli ultimi requisiti di Google, questo webinar ti aiuterà a comprendere meglio Google Consent Mode v2. Dennis Gingele di Google e Jan Winkler di consentmanager presenteranno i fatti essenziali e […]