Destra

La legge sui servizi digitali (DSA) vale anche per la vostra azienda? Le piattaforme online hanno obblighi aggiuntivi


Legge sui servizi digitali (DSA)

La legge sui servizi digitali stabilisce ulteriori requisiti di trasparenza per le piattaforme online. La definizione di piattaforma online ai sensi della DSA può applicarsi alla tua attività. Di conseguenza, potrebbe essere richiesto di rispettare ulteriori requisiti di trasparenza della DSA. Continua a leggere per scoprire se la tua attività rientra in questa categoria e quali misure puoi intraprendere per rimanere conforme.

Qual è lo scopo della legge sui servizi digitali?

La legge sui servizi digitali è entrata in vigore il 25 agosto 2023 per le principali piattaforme online e i motori di ricerca. Dal 17 febbraio 2024 la DSA è pienamente applicabile anche alle altre piattaforme online.

La DSA rientra nell’agenda della Commissione UE “Un’Europa pronta per l’era digitale”, che mira a regolamentare le piattaforme e gli intermediari online, come discusso nel nostro post precedente . Il suo scopo è proteggere i diritti fondamentali dei cittadini dell’UE creando al contempo un ambiente online sicuro e trasparente.

A chi si applica il DSA?

La DSA impone requisiti diversi ai diversi attori online a seconda della loro funzione e dimensione, poiché questi fattori hanno impatti diversi sull’ecosistema online. Vale anche la pena ricordare che, come il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), il DSA si basa sul principio del mercato e quindi si applica a tutti i fornitori di servizi di intermediazione digitale che servono clienti nell’Unione Europea (UE). Ciò significa che la DSA può applicarsi anche alle aziende statunitensi. Di conseguenza, la DSA ha suddiviso le piattaforme online in quattro categorie principali:

1. Piattaforme online e motori di ricerca molto grandi

La Commissione definisce questa categoria come piattaforme e motori di ricerca con 45 milioni o più visitatori al mese. L’elenco ufficiale della DSA è disponibile qui .

2. Piattaforme online

La DSA definisce una piattaforma online come un servizio di hosting che archivia e divulga informazioni al pubblico su richiesta di un destinatario del servizio. Anche un sito Web in cui gli utenti possono creare profili utente o interagire con altri utenti è considerato una piattaforma online.

Secondo la DSA rientrano nel concetto di piattaforma online le seguenti categorie:

  • Piattaforme di social media
  • Mercati online (negozi online, siti di e-commerce)
  • Siti di condivisione di contenuti
  • App store
  • Sistemi di prenotazione online di alloggi e viaggi
  • Piattaforme di economia collaborativa

Nota : le micro e piccole imprese, definite come aziende con meno di 50 dipendenti e un fatturato annuo inferiore a 10 milioni di euro, non sono interessate da questo requisito. Tuttavia, tutte le altre organizzazioni che rientrano nella categoria delle piattaforme online devono rispettare i requisiti DSA.

3.Servizi di hosting
Ciò include servizi che memorizzano le informazioni dell’utente per suo conto. Questa categoria comprende servizi di cloud computing, web, posta elettronica e hosting di server.

4. Servizi di intermediazione
Ciò può includere fornitori di accesso a Internet e registrar di nomi di dominio, nonché servizi di caching o di trasmissione.

❗Nota importante: consentmanager fornirà una nuova funzionalità che consentirà agli utenti di accedere direttamente alle informazioni degli inserzionisti semplicemente facendo clic su un’icona accanto all’annuncio. Ciò consente agli utenti di personalizzare/disattivare l’annuncio immediatamente quando lo vedono.

Ulteriori requisiti di trasparenza per le piattaforme online

Le piattaforme online hanno anche obblighi e aspettative aggiuntivi per quanto riguarda la garanzia di una maggiore trasparenza.

Ai sensi dell’articolo 26 “Pubblicità sulle piattaforme online” della DSA sono stabiliti i seguenti requisiti:

1. I fornitori di piattaforme online che visualizzano pubblicità devono garantire che l’utente finale possa vedere in tempo reale, in modo rapido, chiaro e inequivocabile, in ogni annuncio pubblicitario che gli viene mostrato:

a) informazioni sullo scopo della pubblicità;
b) La persona o l’organizzazione che espone l’annuncio pubblicitario ;
c) la persona o ente che ha pagato per la pubblicità , se diversa dalla persona o ente di cui alla lettera b); E
d) informazioni che siano significative e facilmente accessibili attraverso la pubblicità; Una descrizione dei principali criteri utilizzati per determinare il pubblico target della pubblicità e i mezzi con cui tali criteri possono essere modificati.

2. I fornitori di piattaforme online devono offrire alle persone che utilizzano i loro servizi la possibilità di indicare se il contenuto che offrono è o contiene comunicazioni commerciali.

3. I fornitori di piattaforme online non sono autorizzati a mostrare pubblicità creata sulla base della profilazione alle persone che utilizzano i loro servizi.

Cosa puoi fare per rispettare la legge sui servizi digitali

La DSA richiede agli intermediari online di fornire informazioni chiare e semplici sui servizi di cui utilizzano. Assicurati di rivedere attentamente le tue pratiche in materia di privacy e trasparenza. Assicurati di ottenere tutte le informazioni importanti dai tuoi partner pubblicitari in modo da poterle fornire in modo efficace ai tuoi utenti. La nostra soluzione consentmanager può aiutare il tuo sito web a rispettare e gestire gli standard di trasparenza richiesti dalla DSA e dalle normative sulla protezione dei dati dell’UE come il GDPR.

Non sei sicuro che la tua azienda sia soggetta alla legge sui servizi digitali? Contatta subito uno dei nostri esperti!


più commenti

Nuovo

Newsletter 03/2024

NOVITÀ: strumento per denunciare Siamo lieti di annunciare il rilascio del nostro nuovo software di segnalazione. Il software è stato sviluppato per soddisfare i requisiti della Direttiva europea sulle segnalazioni di irregolarità. Il nostro software ora offre ai tuoi dipendenti un modo semplice e sicuro per segnalare dubbi. Gli informatori possono inviare le loro segnalazioni […]
video

Webinar: Nessun cookie = perdita di entrate?

Il mondo online sta affrontando grandi cambiamenti, soprattutto per editori e inserzionisti. L’11 marzo abbiamo co-ospitato il webinar “No Cookies = Revenue Losses” con Refinery89.com per dare uno sguardo al futuro. Il webinar si è svolto in inglese. Sono stati discussi i seguenti argomenti: panoramica Il webinar ha fornito preziosi spunti su come editori e […]